Rischiatutto!

Conoscere il rischio evolutivo nell’adozione di un bambino

La lunga strada che conduce all’adozione di un bambino, per la quale molte coppie si incamminano ogni giorno, è costellata di numerosi ostacoli e richiede oltre ad una solida motivazione, una approfondita conoscenza di temi molto delicati, riguardanti la sicurezza, la stabilità, la protezione da garantire al bambino che si vuole accogliere e crescere come proprio.
Venerdì 20 Maggio alle 21.00, presso la Chiesetta Santa Sofia, nel comune di Torre d’Isola si è svolto l’incontro dal titolo “Rischiatutto”, organizzato dall’associazione Polaris, che si occupa di fornire supporto, servizio e aiuto alle famiglie adottive o in attesa di diventarlo.
FotoIl tema dell’evento riguardava il rischio evolutivo che interessa i bambini adottivi, argomento di grande interesse e spesso motivo di ansia e preoccupazione nelle famiglie che si approcciano alle pratiche di adozione o di accoglienza.
A parlarne, un esperto del settore: il Dottor Salvatore Savasta, medico chirurgo specializzato in pediatria presso la Fondazione IRCCSS Policlinico San Matteo di Pavia, nonché giudice onorario del tribunale dei minori di Milano. Il dottor Savasta ha spiegato agli intervenuti cosa si intende per rischio evolutivo, in particolare nella delicata situazione dei genitori e dei bambini adottivi, introducendo la problematica delle malattie genetiche dal punto di vista scientifico e biologico e condividendo la sua esperienza pluriennale nelle corsie di ospedali e durante i colloqui con i genitori in veste di giudice onorario in tribunale.
Con grande chiarezza e una buona dose di ironia il Dottor Savasta ha sapientemente vestito ora l’uno ora l’altro ruolo per far sì che l’incontro, oltre a fornire alle coppie le conoscenze essenziali per avere una visione completa e consapevole del rischio evolutivo, fosse anche un’occasione di divulgazione scientifica alla portata di tutti. Infatti, nel trattare problematiche di ormai comune e crescente interesse, quali malattie genetiche come Sindrome di Down, ereditarie e degenerative, il Dottor Savasta ha stemperato la complessità di questi argomenti inserendo degli aneddoti ora toccanti, ora spiritosi che fanno parte della sua professione e della sua formazione universitaria e in ambito ospedaliero, suscitando curiosità e domande negli intervenuti, alle quali ha risposto con grande disponibilità e precisione in un contesto che, a differenza dell’omonimo Rischiatutto televisivo, è risultato molto disteso e conviviale.
Le coppie si sono confrontate tra loro e con il Dottore sulle insicurezze connesse alla variabile più importante nella vita di un essere umano, che coinvolge il genitore tanto quanto e forse più del figlio: la salute, e su quanto sia cruciale la consapevolezza del rischio evolutivo nell’iter da percorrere durante l’adozione e in generale nel ruolo di genitore, che le coppie adottive oggi devono letteralmente conquistarsi agli occhi della legge.
Per quanto il desiderio di crescere un bambino nell’amore e nell’armonia di una coppia che si ama, sia un requisito essenziale per essere dei buoni genitori, la conoscenza dei rischi legati al passato del bambino, alle condizioni della gravidanza e dei genitori biologici, che costituiscono una variabile non sempre nota, porta i genitori adottivi a mettersi in gioco, in un “Rischiatutto” che va affrontato prima di tutto con grande serietà, ma anche con la giusta cognizione di causa, altro imprescindibile requisito affinché si creino le basi per costruire il miglior ambiente per la crescita e il benessere di un bambino.

Martina Messina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.